Comunicazioni/ Dolci/ Sicilian-style food

Sfince di San Giuseppe

Sfince di San Giuseppe

Sfince di San Giuseppe

Ecco un’altra di quelle ricettine must che chiunque dovrebbe gustare almeno una volta  nella vita 😛 ad ogni morso ci si bea, si affondano i denti in una pasta soffice e sostenuta allo stesso tempo fino ad arrivare ad un cuore vellutato,umido e goloso…avete presente la ricotta pasticcera?! un peccato di gola senza pari 😛  La città della Sfincia è Palermo dove si mangiano tutto l’anno un pò come le Minne di Sant’Agata che trovate QUI ve le ricordate? poi però ci sono ricorrenze,festività dove “quel” determinato dolce diventa un vero e proprio simbolo,va preparato! A San Giuseppe festa del Papà se sei a Palermo una Sfincia devi mangiarla,sorella del cannolo,della cassata,delle Minnuzze di sant’agata,delle cassatelle di ragusa e di tutti quei dolci con ricotta che sono un tripudio di bontà. Personalmente a Palermo ne ho assaggiate sia di vuote con solo copertura di ricotta sia ripiene al loro interno e ricoperte….e quale versione potevo proporvi io???? sul mio blog le diete sono bandite e quindi Sfince di San Giuseppe farcite e ricoperte per tutti!!!

Sfince di San Giuseppe

tronfie,paffutelle e golose se ne stanno li adagiate ad aspettare di essere addentate…

colorate e luminose come carattere siculo detta…

Sfince di San Giuseppe

Anche in questa occasione ho usato solo i prodotti migliori e per le guarnizioni ho scelto le scorze d’Arancia candite dell‘Azienda Pennisi La Dolceria Siciliana

Sfince di San Giuseppe

Sfince di San Giuseppe
Recipe Type: Dessert
Cuisine: Italian
Author: Ketty Valenti
Prep time:
Cook time:
Total time:
Serves: 1 hours 20 mins
Ricetta tratta da libro Sweet Sicily.
Ingredients
  • Per la pasta fritta ( circa 12 pezzi grandi):
  • 375 g di acqua
  • 75 g di burro
  • 1 cucchiaino e mezzo di sale
  • 370 g di farina
  • 9 uova
  • 1 cucchiaino e mezzo di lievito in polvere
  • Per la crema di ricotta:
  • Kg 1200 g di ricotta fresca e priva del suo siero
  • 440 g di zucchero a velo
  • 150 g di gocce di cioccolato fondente
  • Scorze d’Arancia e ciliegie candite ( Pennisi- La Dolceria Siciliana)
  • olio di semi per friggere
  • granella di pistacchio
Instructions
  1. La ricotta deve essere molto asciutta e completamente priva del suo serio,se lo ritenete opportuno lasciate a scolare in frigorifero un giorno e una notte prima di procedere con la ricetta delle Sfince.
  2. Setacciate quindi la ricotta in un setaccio a maglie molto strette o con un passino,unite lo zucchero a velo e mescolate,personalmente ripasso velocemente con le fruste elettriche per ottenere una consistenza setosa,poi unite le gocce di cioccolato,mescolate con una palettina e riponete in frigorifero a riposare,nel frattempo preparate la pasta delle sfince da friggere.
  3. In un pentolino versate l’acqua,il burro,il sale e un pizzico di zucchero,portate ad ebollizione quindi allontanate dal fuoco e versate la farina in un sol colpo,riportate sul fuoco e mescolate energicamente per non creare grumi e fino a che l’impasto non si stacca dalle pareti della pentola.
  4. Togliete dal fuoco e fate intiepidire l’impasto quindi unite le uova uno ad uno,prima di aggiungere il secondo assicuratevi che il primo sia stato ben assorbito,unite il lievito setacciato e lasciate riposare qualche minuto.Mettete sul fuoco una capace pentola( non vi consiglio la classica padella perchè troppo bassa,meglio se ha bordi alti in questo caso) con l’olio di semi,quindi friggete le sfince immergendo l’impasto a cucchiaiata colme (a me è venuto meglio con un mestolo ricoperto per metà dall’ impasto),dovrete ottenere delle forme irregolari ma ben gonfie e dorate.Appena pronte riponetele in un vassoio con carta assorbente per perdere parte dell’olio.Farcire adesso il loro interno con la ricotta e ricoprirle anche esternamente,guarnite con ciliegie e scorze d’arancia candite,cospargete di granella di pistacchio e servite questa delizia.

 

Sfince di San Giuseppe

 

Sfince di San Giuseppe

l’Azienda Pennisi propone frutta candita che va dall’arancia al limone al cedro ed anche intinti nel cioccolato….o mamma che delizia!!!!

Sfince di San Giuseppe

Dovete provare questo dolce e sarà un ottimo dono per festeggiare il 19 Marzo,a tutti i Papà a coloro che aspirano a diventarlo e a tutti i Giuseppe porgo i miei più sentiti ….

Sfince di San Giuseppe

                                                    Auguri

You Might Also Like

21 Comments

  • Reply
    Veronica
    17 marzo 2016 at 9:57

    Quanto mi piacciono !!! E le tue cara sono un peccato di gola irrinunciabile!!! Bravissima ?

  • Reply
    Alessandra
    17 marzo 2016 at 10:15

    Penso che siano una delle cose più buone che ho mai mangiato. Le mangiavo sempre quando mia zia viveva a Caltanissetta (ho anche papà nisseno). Per quelle e i rollò potrei uccidere!
    Prima o poi proverò a farle con la tua ricetta, così faccio contento anche papà 😀
    Baci

    • Reply
      Ketty Valenti
      18 marzo 2016 at 23:37

      Si è un’esperienza che non si può dimenticare 🙂 sono troppo goduriose 😛

  • Reply
    SABRINA RABBIA
    17 marzo 2016 at 10:39

    MI STAI FACENDO MORIRE DALLA VOGLIA DI ASSAGGIARLE, TROPPO BELLE E GOLOSE, BRAVA!!!BACI SABRY

  • Reply
    Laura e Sara Pancettabistrot
    17 marzo 2016 at 10:40

    Che tentazione irresistibile Ketty!! Queste sfince alla ricotta sono goduria pura oltre che realizzate a regola d’arte! Quanto ci piace leggere queste ricette della meravigliosa pasticceria siciliana da poter riprodurre a casa, sei troppo brava!! Un abbraccio grande!

    • Reply
      Ketty Valenti
      18 marzo 2016 at 23:38

      Ragazze siete voi una meraviglia,vi voglio bene dal profondo del cuore <3 <3 <3

  • Reply
    Maria bianca
    17 marzo 2016 at 11:52

    Che meraviglia di sfince!!!!
    Le ho fatte anch’io anni fama le foto erano talmente penose da essere cancellate.
    Brava,doppiamente brava.

    • Reply
      Ketty Valenti
      18 marzo 2016 at 23:45

      Grazie Mariabianca sempre gentile,le tue foto sono sempre state bellissime 😉

  • Reply
    Damiana
    17 marzo 2016 at 16:20

    Mi scende una lacrima. Una sorella del cannolo, come posso ignorarla… Mi sembra di sentire il sapore di quella ricotta, basta non ho parole! Basta.! Se non mi portano in sicilia io li abbandono! Cia’

    • Reply
      Ketty Valenti
      19 marzo 2016 at 0:01

      Dami mi scende una lacrima a me dopo aver peccato di gola,la mia bilancia scappa quando mi vede hi hi hi

  • Reply
    Mila
    18 marzo 2016 at 9:01

    Complimenti Ketty sei sempre straordinaria!!!

  • Reply
    alessia
    18 marzo 2016 at 9:44

    Ketty, hai racchiuso in queste meraviglie quei magnifici sapori che richiamano il sole, il mare e quanto c’è di più bello in Sicilia. Ma lo sai che metà del mio sangue viene dalla tua stupenda isola? 🙂
    Sei bravissima, A.

    • Reply
      Ketty Valenti
      19 marzo 2016 at 0:04

      Ma dai veramente? non sapevo ed ovviamente mi fa tanto piacere ^.^ alchimia 😉 !!!

  • Reply
    tizi
    18 marzo 2016 at 12:25

    questi dolcetti sono troppo, troppo golosi… e in quella crema alla ricotta mi ci tufferei! grazie per condividere sempre questi capolavori della tua terra 🙂
    buon fine settimana!

    • Reply
      Ketty Valenti
      19 marzo 2016 at 0:09

      Grazie a te Tizi e a tutti voi che passate a trovarmi con emozionanti pensieri <3

  • Reply
    Melania
    22 marzo 2016 at 19:11

    Sapevo le avresti preparate! Quando si tratta di ricorrenze, o magari, occasioni speciali io corro qui da te. Perché tu, Ketty ti affidi alle tradizioni e non c’è cosa più bella. Sono perfette anche questa volta!
    Ti abbraccio

  • Reply
    lisa fregosi
    23 marzo 2016 at 11:35

    Sono bellissimi questi dolci, poi con quelle scorze candite… foto da favola <3

  • Reply
    Lisa
    20 aprile 2016 at 14:39

    Questi mi è capitato di assaggiarli di recente in un localino qui che fa cucina siciliana, buonissimi! Io adoro tutti i vostri dolci, li proverò! 😉

  • Leave a Reply

    CONSIGLIA Torta di mais