Io e il Blog……

Mi presento mi chiamo Ketty Valenti,di Mamma Palermitana e Papà Catanese,nel mio cuore arde……

 

io e il blog

 

 

 

…e in parte anche……

 

 

Zagara & Cedro1

 

sono cresciuta nella bella provincia Etnea sin da piccola,sono mamma di un dolcissimo bimbo…..e una passione per la cucina (specialmente per il dolce)che mi porta a sperimentare e a mettere alla prova le mie capacità,amo da sempre i colori e sono una creativa per natura “devo dare forma a tutto” che sia un dipinto,un ricamo a punto croce,un oggetto di arredamento da rivestire,un biglietto di auguri,un piatto salato o un magnifico dolce….il tutto però fatto senza pretese,alimentato solo da passione.Zagara & Cedro nasce dunque dalla voglia di soddisfare tutto questo,il blog ha un’anima fortemente Siciliana ecco perchè al suo interno troverete piatti tipici della mia bella Isola ma non solo,troverete piatti salati di vario genere e  tanto altro, dolci italiani e esteri,uno sguardo attento al Cake Design che mi attrae e poi….e poi scopritelo in prima persona…..ho un’immensa voglia di condividere tutto questo con voi…..iniziamo allora questo cammino fatto di odori,sapori e colori meravigliosi…..i Profumi della nostra terra,un Mediterraneo da scoprire !!!!

Scrivo e Fotografo per iFood

Scrivo e Fotografo per iFoodStyle

Scrivo e Fotografo per l’Azienda Pennisi La Dolceria Siciliana

 

 

Se ti piacciono i miei lavori e sei interessato per maggiori info contattami, puoi trovarmi qui:

76kettyv@gmail.com
QUI

A proposito questa sono io……

 Zagara & Cedro

Ed ora vi dico perchè ho chiamato questo Blog “Zagara & Cedro”,ovviamente ci ho pensato un pò,ma volendo dedicare questo piccolo spazio nel web alla mia Terra di Sicilia,mi si è accesa la lampadina grazia ad una canzone che mi emoziona tantissimo,è scritta da un giovane umorista-barzellettiere Siciliano che si chiama Giuseppe Castiglia…..

ecco la sua canzone che parla di una splendida città alle pendici dell’Etna: Catania! vista esattamente come la vedo io…..Fantastica,sognatrice,paesana e mondana insieme,un’esplosione di colori….Vulcanica!

Che bedda Catania, Catania di notti
iu sentu ca u cori m’abbatti chiù forti
ndè strati, ndè chiazzi e intra i cuttigghi
Catania fà a matri e annaca i so figghi
poi l’alba d’argentu s’ammisca cò mari
Catania è a genti ca si usca u pani
ma quannu s’arrobba e si isunu i manu

Catania s’incazza e diventa vulcanu.
Catania è ‘na pupa, capiddi castani,
labbra carnusi e l’occhi ruffiani
e quannu
mi sapi luntanu du iorna
ca so vuci d’angilu mi rici torna
Catania umiliata, trattata cche peri

s’attrucca e si pettina pe’ furasteri
e quannu
c’ancontra du ziti filici
Catania romantica li binidici

Musica, c’è musica Catania abballa

restu ca vucca apetta a taliarla

chi bellu pettu chi formi, Catania ca non dormi

Musica, chi musica Catania sona
e si ndò menzu qualchedunu stona
fa ‘na battuta schirzusa, Catania è spiritusa.

Che bedda Catania, Catania di notti

cu attracca, cu vivi e cu fa cosi storti

Catania è pueti, finomeni e geni

gilusa picchì pi nuautri ci teni

Catania cò Suli macari ndo nvernu

Catania figghiozza do Patri Eternu

si porta a braccettu l’amicu liotru

fra uduri di chiummu, di zagari e citru

Musica, c’è musica Catania canta

tutti cò saccu sta passannu a Santa
varda Catania che lesta, cu l’abitu da festa.

Musica, chi musica Catania ardita
o
stadiu soffri e vinci a so partita

stanca ci abbruciunu l’occhi, s’appinnica nde scogghi.

Catania da guerra, Catania urricata,

distrutta e pì setti voti rinata

non c’entrunu i sordi, non c’entra a furtuna

Catania ndo Munnu ci nnè sulu una.

(Autore : Giuseppe Castiglia)